Viaggio nel Tempo

  • Cartolina Storica di Minseln (1900)
    Cartolina Storica di Minseln (1900)

    Cartolina Storica di Minseln (1903)
    Cartolina Storica di Minseln (1903)

    Cartolina Storica di Minseln (1906)
    Cartolina Storica di Minseln (1906)

Storia di Minseln

Stemma di Minseln Il luogo viene citato per la prima volta nell’anno 754 come “Minsilido” in un documento di San Gallo.
La parte bassa e quella centrale di Minseln sono sorte contemporaneamente come insediamenti di masserie, mentre la parte alta è stata colonizzata più tardi.

L’indizio che gli apostoli Pietro e Paolo siano i patroni della chiesa, lascia supporre che la chiesa sia stata fondata dai monaci, e che risalga ai tempi della cristianizzazione (7. secolo).

Nel 13. secolo ci sono testimonianze di una famiglia nobile originaria del paese: così nel 1272 vengono citati Albert di Minseln, nel 1283 il cavaliere Heinrich di Minseln ed infine sempre nello steso anno il chierico B. di Minseln. La presenza di una residenza nobiliare non è tuttavia testimoniata. Minseln apparteneva alla contea di Rheinfelden, che a partire dal 1449 apparteneva al dominio austriaco.

Fotografia di Minseln (1910)
Fotografia di Minseln (1910)

Quasi durante tutte le guerre sull’alto Reno, il paese è stato vittima di diversi episodi di saccheggi ed incendi, ma fu soprattutto durante la guerra dei trent’anni, che dovette soffrire pesantemente quando gli svedesi assediarono Rheinfelden (1634).

Nell’anno 1686 nella  parrocchia del 1275 citata  prima venne costruita la chiesa odierna. Nella nostra zona, carente di opere barocche, la chiesa di SS. Pietro e Paolo rappresenta qualcosa di unico e raro. L’aspetto interiore è caratterizzato da enormi affreschi che rivestono la volta, centrando l’interno alla maniera del tardo barocco.

Posizione: 349 m NN
Superficie:  945 ettari
Numero di abitanti: 2.118
Annessione al comune:   1972
Stemma:
 
Una chiave d’oro che si incrocia con una spada dorata su sfondo rosso.
   
Monumenti e luoghi d’interesse:
 
Il museo locale,
La chiesa cattolica di  SS. Pietro e Paolo,
Biotopo „Bleiche“

Durch die Nutzung dieser Website erklären Sie sich damit einverstanden, dass unsere Dienste Cookies verwenden. Mehr erfahren OK