Viaggio nel Tempo

  • Cartolina Storica di Adelhausen (1900)
    Cartolina Storica di Adelhausen (1900)

    Cartolina Storica di Adelhausen (1910)
    Cartolina Storica di Adelhausen (1910)

    Cartolina Storica di Adelhausen (1920)
    Cartolina Storica di Adelhausen (1920)

Storia di Adelhausen

Stemma di Adelhausen Adelhausen fu citata per la prima volta nel 1192. Sono databili nello stesso periodo anche le due frazioni di Rappersweier (1399) e la più giovane Ottwangen (1318). La toponomastica deriva da cognomi  che risalgono al tardo periodo merovingio, nel VII secolo d.C..
Nel 1819 vennero scoperte le tombe di pietra risalenti a quel periodo.
Sono stati accertati anche dei rinvenimenti romani, risalenti al I secolo d.C., appartenenti alle testimonianze più antiche di insediamenti del Dinkelberg. Nel periodo romano esisteva infatti un collegamento stradale che  da Wyhlen portava alla valle del fiume Wiese  attraversando il Dinkelberg, di cui testimonia  ancora oggi la  “Via dei Romani”  nel bosco di Ottwangen.
Adelhausen appartenne al dominio di Rheinfelden e ne condivise  la storia. Lo stemma del paese con la doppia aquila austriaca ricorda ancora oggi l’ antico dominio camerale austriaco  e la sua appartenenza alla regione della valle del Reno.
Nel  1806 Adelhausen passò al Granducato del Baden.
Fino alla fine del XVIII secolo Adelhausen e Eichsel ebbero un amministrazione comunale comune. Il paese ottenne in seguito un proprio consiglio direttivo comunale, che tuttavia era subordinato al balivo di Eichsel.
Adelhausen e Eichsel erano unite anche dal punto di vista ecclesiastici. Gli abitanti vivevano di agricoltura e frutticoltura, così come dell’allevamento del bestiame e della lavorazione del legno. Oggi il paese si sta trasformando in un comune abitativo e di pendolari.

Posizione: 459 m NN
Superficie: 713 ettari
Numero di abitanti: 751
Annessione al comune:
1974
Stemma:

 
Un’aquila nera doppia con la lingua rossa e armata su sfondo argento, con un pettorale in argento recante una lettera A in nero.
   
Monumenti e luoghi di interesse:
 
Biotopo in  „Gewann Erle",
Sentieri per passeggiate curati con vista sulla foresta nera e il Giura svizzero

Durch die Nutzung dieser Website erklären Sie sich damit einverstanden, dass unsere Dienste Cookies verwenden. Mehr erfahren OK