Breve Storia della Città

Stemma di Rheinfelden Prima del 1800 il territorio dell’odierno nucleo cittadino  faceva parte del territorio austriaco, non era però ancora una zone edificata e aveva un carattere puramente agricolo.
Nel 1805 il Reno diventò la linea di confine che divideva la Svizzera dal territorio appartenente al Baden. La zona a destra del Reno venne assegnata ai comuni di Karsau, Nollingen e Warmbach, tre comuni del Baden.

Nel 1856 venne inaugurata la linea ferroviaria tra Basilea e Costanza, e a pochi passi dalla frontiera entrò in funzione la stazione che prese il nome di “Presso Rheinfelden”.

A partire dagli anni novanta del XIX secolo, alcune grandi industrie svizzere si trasferirono nelle vicinanze della stazione come ad es. l’industria della tessitura della seta, impianti chimici e l’industria dell’alluminio. Tra il 1894 e il 1898 venne costruita nella parte tedesca la prima centrale idroelettrica fluviale d’Europa.

Intorno al 1900 venne ampliato l’insediamento costruito originariamente  a metà secolo per i lavoratori industriali. Nollingen ed il nuovo insediamento formarono il doppio comune di  Nollingen-Badisch Rheinfelden. Nel 1921 venne annesso, su sua richiesta, il comune limitrofe di Warmbach. Il 17 ottobre del 1922 il doppio comune ottenne i diritti civici.

Vista del Oberrheinplatz (1952)
Vista del Oberrheinplatz (1952)

Poiché la frazione di Rheinfelden aveva il maggior numero di abitanti, si decise ufficialmente di dare al comune il nome di Rheinfelden con il suffisso (Baden).
Con l’annessione di altri piccoli comuni limitrofi tra il 1972 e il 1975, Rheinfelden (Baden) arrivò ad avere più di 20.000 abitanti e l’amministrazione comunale fece la richiesta di poter chiamare la città di Rheinfelden “grande capoluogo del distretto”, richiesta che venne approvata il 1° gennaio 1975 dal governo regionale del Baden-Württemberg.

Nell’anno 2003 si iniziò la costruzione di una nuova centrale idroelettrica. Nell’autunno del 2010 si avviarono i lavori di smantellamento della vecchia centrale idroelettrica.

Durch die Nutzung dieser Website erklären Sie sich damit einverstanden, dass unsere Dienste Cookies verwenden. Mehr erfahren OK